Le Scie Chimiche Hanno Le Spruzzate Contate

Pubblicato da Blicero il 21.12.2013

---

(Immagine di repertorio.)

Nei giorni scorsi sono usciti una serie di dati che mostrano quanto la recessione abbia devastato il Paese: un italiano su tre rischia di piombare nella povertà; la disuguaglianza è sempre più marcata; e il centro studi di Confindustria ha paragonato i danni economici prodotti dalla crisi ad una vera e propria guerra.

Sono cifre e studi che  fanno riflettere, non c’è dubbio. Ma l’Italia deve affrontare ogni giorno una minaccia molto più inquietante e spaventosa: quella delle scie chimiche che ci stanno avvelenando TUTTI.

E dire che di “controinformazione” sullo scabroso argomento ne è stata fatta moltissima, al punto da farlo approdare diverse volte in Parlamento. Solo negli ultimi dieci anni, ricorda Il Post, «sono state presentate almeno una quindicina di interrogazioni parlamentari sulle scie chimiche, quasi tutte da parte di deputati o senatori del centrosinistra». L’ultima interrogazione è stata presentata da Domenico Scilipoti il 22 febbraio 2011; in essa il deputato parlava di «piogge provocate dalle operazioni militari» e della necessità di cancellare il «segreto di Stato relativo alle scie chimiche», esortando le autorità a «chiarire l’influenza che le operazioni di scie chimiche dal 2003 ad oggi hanno avuto sulla salute degli italiani».

Nonostante questi encombiabili sforzi, tuttavia, nulla è stato fatto per arginare il fenomeno. È per questo che il 21 dicembre 2013 alcune associazioni impavide e coraggiose1 hanno deciso di scendere in piazza a Modena per dire basta a questo scempio raccapricciante. Il volantino della chiamata alle armi – naturalmente apartitica e apolitica – non avrebbe potuto essere più chiaro:

Da diversi anni ormai, anche l’Italia, come molti altri paesi del mondo, è interessata da sempre più pesanti irrorazioni chimiche eseguite da aerei cisterna, privi di riconoscimento, che rilasciano nei nostri cieli scie più o meno consistenti. Queste scie sono composte da diversi materiali, fra i quali metalli pesanti come bario e alluminio, e polimeri sintetici, che spesso si presentano come lunghi e appiccicosi filamenti che fluttuano nel cielo, e che sempre più di frequente vengono segnalati in ogni parte del paese.

Oltre ai «filamenti», continua il volantino,

anche nanotecnologie di varia natura sono associate a questi aerosol clandestini, oltre all’irraggiamento di frequenze elettromagnetiche emesse dalle stazioni di Haarp, sigla che nasconde un progetto americano di modificazione climatica, presenti ormai in tutto il mondo.

Quella che però era partita come una splendida farsa si rivela incredibilmente vera quando compaiono le prime foto sui social. La gente, infatti, è scesa in piazza per davvero.

---

(Foto via Facebook)

Gli sciichimici hanno vergato toccanti cartelloni di denunzia,

---

(Via Facebook)

e modellini dei temibili tanker che spruzzano veleno agli ordini di Bilderberg e del NWO.

---

(Via Facebook)

L’organizzazione è quella delle occasioni migliori. Gli sciichimici si cimentano anche in un delizioso flashmob al grido di “Basta scie chimiche, basta con la NATO”.

Niente è stato lasciato al caso. Ci sono un «banchetto informativo» e una «mostra fotografica sotto i portici del collegio» perché la ggente devono sapere.

---

(Via Facebook)

Contrariamente a ogni aspettativa, il corteo si ingrossa sul serio.

Gli slogan, formulati dal “comitato organizzatore” e pubblicati su Internet, vengono scanditi a gran voce e con autentico trasporto.

I cartelloni impugnati dalla folla sono la vera chicca della manifestazione. Il mio preferito, senza dubbio, è quello che recita «RAGNI VOLANTI, CHE SCUSA FANTASTICA, I LORO FILAMENTI PERÒ SONO DI PLASTICA».

---

(Via Facebook)

C’è spazio anche per i “comizi” degli «studiosi» dell’argomento. Tra questi spicca Monia Benini, nota complottara che gravita intorno al buco nero del grillismo.

---

(Ci stanno avvelenandoooo!11!11. Foto via Facebook)

La Benini ha anche avuto l’onore di essere ospitata sul blog di Beppe Grillo. Il post, intitolato Immigrazione e tabù, è una lunga tirata xenofoba e reazionaria contro gli immigrati in perfetto stile pentastellato.

L’autrice prima accusa i migranti che arrivano in Italia di «abbassare i salari medi» e influire «su quegli stessi diritti conquistati dai lavoratori regolari in anni di dure lotte», poi si lancia in un’accorata difesa del reato di clandestinità («onestamente fatico a capire chi si ostina a chiedere la cancellazione del reato di clandestinità») per il semplice fatto, be’, di essere un reato previsto dalla legge. Nello stesso pezzo la Benini denuncia la «strumentalizzazione dell’immigrazione clandestina a scopi anti-berlusconiani o elettorali», chiaramente ordita dal duo Boldrini-Kyenge che – tra le altre cose – si permette di fare «ammuina sulla questione dei rifugiati». Il pezzo si chiude con la seguente domanda retorica: «Possibile che non ci si renda conto che oggi il problema dell’immigrazione serve per destabilizzare l’Italia (e l’Europa) […]?»

Ad ogni modo, dopo i vari “comizi” i manifestanti hanno fatto un altro flashmob davanti all’Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale), uno dei tanti enti pubblici accusati di essere in combutta con gli Illuminati.

Insomma: più che ad una manifestazione, abbiamo assistito ad un’incredibile sospensione collettiva della logica e del raziocinio.

Per me è davvero inspiegabile che centinaia e centinaia di persone possano solo accarezzare l’idea di manifestare – figurarsi farlo veramente – contro un inesistente complotto ordito da forze oscure che si divertono a irrorare il cielo di sostanze tossiche. Eppure è accaduto, e bisogna cercare di capire il motivo che porta una massa di esseri umani a scendere in piazza non per difendere o reclamare diritti, ma per protestare contro una puttanata che – seppur ridicola e screditatissima – continua a circolare indisturbata.

Il professore americano Michael Barkun, autore del fondamentale saggio A culture of conspiracy, ha spiegato in un’intervista le tre ragioni per cui le teorie del complotto possono essere molto attraenti:

Primo: le teorie del complotto dicono di spiegare quello che gli altri non possono spiegare. Hanno la pretesa di mettere ordine in un mondo che è sfuggente e confuso. Secondo: lo fanno in una maniera molto semplice, dividendo il mondo tra le forze del bene e quello del male. […] Infine, le teorie del complotto sono spesso presentate come una conoscenza speciale e segreta, ma ignota e denigrata dagli altri. Per i complottisti le masse sono un gregge a cui hanno fatto il lavaggio del cervello, mentre loro sono gli unici ad aver scoperto l’inganno dei poteri forti.

Ma forse, anche sulla base di quanto successo oggi a Modena, la ragione del fascino del complottismo è molto più prosaica: questo Paese è in preda ad un’involuzione psichica irreversibile e sta definitivamente perdendo la testa.

  1. Riprendiamoci il pianeta – Movimento di resistenza umana, Draco edizioni, Movimento valori e rinnovamento, Per il bene comune e Caposaldo associazioni unite. []

Condividi

Drop the Hate / Commenti (14)

#1

BlogMaster
Rilasciato il 21.12.13

incredibile.
Che poi c’è pure un sacco di gente a questa manifestazione.

#2

Luca
Rilasciato il 21.12.13

Imbecille disinformatore INFORMATI

Unionesarda
20 luglio 2002
L’annuncio dell’assessore Ladu: «In Sardegna la sperimentazione partirà dalle zone degli invasi»

Il Governo bombarda le nuvole
Con dieci milioni di euro pioggia artificiale da ottobre
In Sardegna da ottobre pioverà acqua artificiale. La decisione della Regione di procedere subito al bombardamento delle nuvole arriva dopo quella con cui ieri il Governo ha deciso di stanziare dieci milioni di euro per attuare un piano, già sperimentato con buoni risultati in Israele. La misura, del tutto eccezionale, dovrebbe permettere di attenuare la grande sete oltre che in Sardegna, anche in Sicilia, Puglia e Basilicata, le regioni più colpite dalla crisi idrica peggiore degli ultimi cent’anni. Nei prossimi giorni un’ordinanza del ministero dell’Ambiente darà il via alle procedure necessarie. In Sardegna la sperimentazione partirà fra pochi mesi: «Inizieremo a bombardare le nuvole in ottobre».
L’annuncio è di Silvestro Ladu, assessore regionale ai Lavori pubblici, che commenta positivamente la decisione del Governo: «Tempo fa avevamo avanzato la proposta al commissario straordinario per l’emergenza idrica. Ora abbiamo anche i fondi per iniziare: non conosco esattamente l’ammontare delle risorse che spettano alla Sardegna, ma credo che con quattro-cinque miliardi si può dare il via alla sperimentazione con contratto di tre anni». Ladu, tuttavia, mantiene un piccolo margine di incertezza: «È un tentativo che stiamo facendo. Non siamo in condizioni di sapere quale sarà la resa. Ma basterebbe un miglioramento del 20 per cento per attenuare la crisi. Inizieremo a bombardare le nuvole nelle zone dove è necessario invasare l’acqua: mi riferisco al Gennargentu, alle montagne del sassarese e del Sulcis».
Il sistema, già sperimentato in Israele, permetterà di far piovere spargendo nell’aria una polverina quasi invisibile. Come? Un radar individuerà le nuvole che possono dare più pioggia, cioè quelle con temperature inferiori allo zero e che contengono acqua ancora allo stato liquido. Poi, una volta individuate, con l’utilizzo di aerei verrà sparso alla base delle nuvole un materiale non nocivo per l’ambiente, lo ioduro d’argento, in soluzione con l’acetone. È l’ultima fase: una sorta di inseminazione artificiale delle nubi per ottenere l’acqua.
Il piano del ministero dell’Ambiente è stato approvato ieri dal Consiglio dei ministri. Il presidente della Regione Mauro Pili, non più tardi di qualche giorno fa, ha presentato in un vertice alla Protezione civile il progetto che prevede proprio il bombardamento delle nuvole per far arrivare nell’Isola un po’ di pioggia. L’operazione ora si farà, sull’esempio di quanto ha fatto negli anni Ottanta una società italiana, la Tecnagro, per attenuare la siccità in Israele. Ma in Sardegna c’è un esperto che sta per fondare una società che si propone, appunto, di provocare la pioggia artificiale. Si chiamerà “Thor” (Thunderstorm hunt-up organization) che Roberto Iorio, 58 anni, originario di Torino, abbrevia in “Società sarda per l’incremento delle precipitazioni”. Chissà che non sia proprio il suo staff a regalare l’acqua all’Isola.
(Lorenzo Piras)

#3

Fra
Rilasciato il 22.12.13

Luca lascia stare gli insulti gratuiti e le benzodiazepine.
Hai inanellato una serie di castronerie che lasciano ben intendere il tuo bagaglio culturale in materia di Fisica (o più propriamente Termodinamica); insomma ti sei dimostrato saccente, impreparato, arrogante, spocchioso e pure maleducato.

1. http://it.wikipedia.org/wiki/File:Diagramma_di_fase_acqua.gif
Qui potrai consultare il diagramma di stato dell’acqua. Per quanto detto prima dubito che tu sappia leggerlo, comunque c’è scritto che “l’acqua presente nelle nubi” (le nubi SONO masse di vapore acqueo) non può essere liquida se la temperatura è al di sotto dello zero, succede anche al livello del mare ma in quota molto di più!

2. Le nuvole dei Teletubbies hanno una base, quelle vere NO!
All’interno di qualsiasi massa fluida esistono delle correnti naturali (chiedere a Grashof), dette moti convettivi, che rimescolano continuamente il fluido stesso.

3. Inseminazione artificiale delle nubi???
Prova a dirlo davanti a uno specchio, vedrai che effetto che fa.

Se ti servono spiegazioni di Fisica, Fluidodinamica, Termodinamica, se vuoi sapere come funziona un motore aeronautico (turboprop, turbofan, turboshaft) e perché emette quella controversa scia, chiedi pure: mi metto a disposizione.
Per favore non scrivere altre corbellerie, fallo per tutti quegli uomini di scienza che, con la loro produzione intellettuale, hanno elevato il livello tecnologico fino al punto di permetterti di accedere ad internet.

“Il problema dell’umanità è che gli stupidi sono strasicuri, mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi.” [B.Russel]

#4

TabMeister
Rilasciato il 22.12.13

Ma LoL!

#5

Domenico
Rilasciato il 23.12.13

L’articolo appare scritto al solo scopo di deridere chi decide di protestare contro le scie chimiche che quasi tutti i giorni vediamo sulle nostre teste. L’articolista, peraltro senza nome, non sembra aver mai notato che tali fenomeni erano sconosciuti anni addietro, ma forse è troppo giovane o vive costantemente a capo chino….

#6

Riccardo
Rilasciato il 23.12.13

Mammamia, ma come si fa a credere ancora a queste stronzate delle scie.., sono basito! ce li meritiamo veramente? BOH!

#7

carbognani edda
Rilasciato il 23.12.13

scusa

#8

Berto
Rilasciato il 23.12.13

A te Blicero, le scie chimiche hanno rimpicciolito il cervello….

#9

Rachele Grasshopper
Rilasciato il 23.12.13

Pensavo che una punta così alta di idiozia la si esprimesse soltanto su iutùb o feisbuc, ben lontani da qualsiasi situazione che permettesse di associare la propria faccia al tema delle sciechimiche. E invece, prima ancora di questo stupppendo articolo, mi succede di dover passare un lieto pomeriggio con due carabbinieri che, mentre io lavoro (aggratis) per loro mi illuminano introducendomi al tema. Mi spiegano infatti che le scie che vedo nel cielo non sono, come io e tanti altri ‘gnoranti crediamo, causate dal freddo. Difatti “più in alto si va, e più caldo fa, perché si è più vicini al sole. Infatti, quando vai in montagna, ti metti gli occhiali da sole e la crema, perché sennò te squagli.”
Al che, mi vedo costretto a ribattere con un “mhh.. Interessante: dimmi di più”. Risultato: un pomeriggio spassoso.

#10

Paolo
Rilasciato il 24.12.13

Ok, ma prendere a pretesto la puttanata delle scie per buttare merda sul m5s è meschino
Ascoltatevi l’intervento di Di Battista di ieri

#11

Tyler Durden
Rilasciato il 03.01.14

Ma non esiste una legge di natura per cui un qualcosa è falso non appena viene abbracciato da Scilipoti?

#12

STELLA bella
Rilasciato il 04.01.14

INTERPELLANZE PARLAMENTARI DAL 2003 AL 2013 SULLE SCIE CHIMICHE
http://attivissimavasto.blogspot.it/2014/01/interpellanze-parlamentari-dal-2003-al.html

#13

Fabrizio
Rilasciato il 24.03.14

Blicero, che fine di merda che hai fatto.

#14

Simo
Rilasciato il 27.03.14

Gente la Verità ve la dico , che ho studiato su Internet da quando era nato. La ggente non capisce che questo aerosol clandestino sta portandoci tutti alla morte. Cambia il clima, cambia le coltivature, cambia la pioggia che ieri è caduta un po si e un po no. Cera un sole bellissimo e un aerio faceva avanti e indrietro per ore e ha creato un retticolato di scie che non potevano non essere chimmiche perchè in pochi minuti è piovuto e tutto si è oscurato, poi come un lampo è tornato il sole. Io non ho mai visto cambiare il clima cosi in velocità!
Non capite niente, andate a leggervi le vostre filastrocchie che vi raccontano i potenti, o avete già impiantato il chip? E non sapete più cosa è giusto e cosa è sbagliato?

Fomenta la discussione

Tag permesse: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>