Tag / usa

Dopo l'Iraq e l'Afghanistan, quello che rimane dell'amministrazione Bush sta bombardando le librerie americane con i memoriali dei suoi ex membri - libri che tra qualche decennio saranno probabilmente visti dagli studiosi come la versione americana de "Le benevole" di Littell e dei ricordi di Léon Degrelle, scritti con lo stile di un bambino delle medie depresso & disgrafico. L'ex presidente Bush, con una mossa che ha stupito chi pensava che la sua capacità di scrittura fosse rimasta sul fondo del Jack Daniels di vent'anni fa, ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 27.02.2011

L'Antefatto Vagamente Ellroyano A Questa Storia (Che Sembre Direttamente Uscito Dal Primo Capitolo De "Il Sangue È Randagio") Raymond Davis, un corpulento 36enne americano dai capelli già spruzzati di bianco, è all'interno della sua Honda Civic in Pakistan, fermo ad un semaforo. È il 27 gennaio a Lahore, la seconda città pakistana per numero di abitanti. La strada in cui si trova Davis, Mozang Chowk, è trafficata. Molto trafficata. E dista circa sette chilometri dall'ambasciata americana. Una moto con due passeggeri a bordo (di cui uno ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 24.02.2011

Signor Giudice, Signori della Corte, mi chiamo Eduard Veniaminovič Savenko (ma forse voi mi conoscete come Limonov) e sono nato nella regione di Nižnij Novgorod, nel cuore stesso della Russia, durante la Grande Guerra Patriottica. Ho vissuto a Charkov e a Mosca, in America, in Francia e di nuovo in Russia. A quindici anni, a Charkov, ero un delinquentello; a diciassette sono diventato un operaio, e a vent'anni ho partecipato a uno sciopero. Ma ero ancora un ladro: ho smesso di rubare quando hanno preso e ... Leggi tutto

Pubblicato da Tamas il 1.02.2011

“Dobbiamo avere fede”. “Fede?” “Sì, fede, è la cosa più importante! Se leggete la Bibbia non potete non capire. Fede!” “Be', tra la sua fede e la mia Glock 9 millimetri, scelgo la Glock”. Arnold Schwarzenegger rispondeva così ad un prete in “Giorni contati”, film diretto da Peter Hyams e uscito nel 1999. La pellicola sarebbe interamente da buttare e bruciare senza ritegno, se non fosse per quella battuta e il fatto che per tutta la durata del film Arnold usa una Glock 34, un ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 13.01.2011

Il governo degli Stati Uniti ha convocato l'ambasciatore della Tunisia per chiedere chiarimenti sulla gestione delle rivolte di questi ultimi giorni, dichiarandosi al contempo "molto preoccupato" per "l'interferenza del governo tunisino su Internet, in particolare Facebook". Naturalmente all'interno del governo degli Stati Uniti non rientra il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, quell'apparato governativo che ha ottenuto da una corte federale un'ingiunzione affinché Twitter fornisca al governo informazioni personali, indirizzi di posta e messaggi privati delle utenze di Julian Assange, Bradley Manning, Birgitta Jonsdottir (deputata ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 8.01.2011

Se i popoli si conoscessero meglio, si odierebbero di più. - Ennio Flaiano (02:20:57 AM) Manning: be', è stato inviato a WL (02:21:18 AM) Manning: e dio solo sa cosa può succedere ora (02:22:27 AM) Manning: si spera discussioni a livello mondiale, dibattiti, e riforme (02:23:06 AM) Manning: se questo non dovesse accadere...allora siamo maledetti (02:23:18 AM) Manning: come specie (02:24:13 AM) Manning: se non succede nulla getterò ufficialmente la spugna su questa società Era il 25 maggio scorso quando il ventiduenne Bradley Manning – l'ex analista militare di intelligence che ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 30.11.2010

Il prossimo colpo di Wikileaks, l'annunciata pubblicazione di quasi 3 milioni di documenti diplomatici ((Edit 22:38: secondo i dati forniti dal Der Spiegel, si tratta di 251,287 cable e 8,000 direttive diplomatiche.)) del Dipartimento di Stato americano, sembra davvero una teen comedy nera a cavallo tra Clueless, Election, Heathers e Cruel Intentions. C'è il bullo più popolare della scuola (gli Stati Uniti) che per anni ha tenuto un diario in cui spargeva veleni su chiunque e, ora che qualcuno ha messo le mani sui suoi ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 27.11.2010

Messi di fronte alla realtà, gli americani hanno scelto la Paura ancora una volta. Il 2 novembre i repubblicani hanno conquistato la Camera (decisivi i Tea Party), mentre al Senato i democratici sono in vantaggio di una manciata di seggi. Obama ha fatto un po' come Batman in “The Dark Knight”: si è assunto delle responsabilità che non aveva per cercare di salvare la baracca, e ha già teso la mano ai vincitori per collaborare – una mano che verrà quasi sicuramente sbranata dalle fauci onnivore ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 6.11.2010
Pagine12345...Ultima »