Tag / mafia

"Col mondo del potere non ho avuto che vincoli puerili" Osip Mandel'štam C'è un uomo, ripiegato sulla scrivania. Spilloni gli circondano la testa, rimedi cinesi che affiorano dalla penombra come lunghi ed affilati puntelli per arginare l'emicrania. Quell'uomo è Andreotti. Questo film è Il Divo. Quell'emicrania è il potere. Era ora. Era ora di finirla con lanuginose introspezioni ombelicali di un paese allo sfacelo. Era ora di affontrare la causa prima e definitiva dell'agonia di una nazione: la natura assoluta, putrida, estasiante, esaltante, violenta ed assurda del Potere. Todo ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 28.05.2008

BASTA. Basta. Finitela di mettervi in bocca il suo nome. Finitela di imputridirlo, di sporcarlo, di rovinarlo. Finitela con questa raccapriccianti commemorazioni. Lasciateli stare. Lasciate loro almeno l'oblio. Lasciateli parlare. I morti. Inutilmente. Sacrificati per chi? Hanno vinto loro. La mafia ha vinto, bisogna imprimerselo bene in testa. Non lasciarselo sfuggire. Marchiarselo a fuoco. Dolorosamente. Disperatamente. La mafia ha vinto, Giovanni Falcone e signora Francesca. La mafia ha vinto, uomini della scorta. E nulla ormai, a parte la vergogna e l'orrore, cammina più sulle nostre ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 23.05.2008

Di Holly Golightly La verità è come un urlo. Controllato e lanciato alto contro un vetro blindato. Con la volontà di farlo esplodere. (Roberto Saviano) Scontriamoci con questa verità, andiamo a sbatterci contro. Corriamo veloci, più veloci del vento, perché l’impatto deve essere forte, tanto forte da far male. Voltiamoci indietro, pensiamo a ciò che avremmo dovuto fare o dire, o quantomeno sapere, e ammettiamo di aver sbagliato. Sediamoci per due ore davanti alla realtà e osserviamola nel dettaglio, domandiamoci dove siamo stati e perché solo ora ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 22.05.2008

Il libro di Giangiulio Ambrosini (magistrato di Cassazione), "Articolo 416 bis", è un interessante esperimento letterario. Non solo per la forma - scrittura priva di punteggiatura, ponctuation blanche, fast-reading che si legge in un fiato, graficamente affine ad un componimento poetico - ma anche e soprattutto per il contenuto. Una vicenda che ha come indiscusso punto di riferimento "Davanti alla legge", celeberrimo racconto kafkiano. Il concorso eterno Il titolo del libro prende il nome dall'articolo del codice penale introdotto nel 1982 (legge Rognoni-La Torre), a seguito dell'omicidio ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 20.05.2008

Esponete la spazzatura, fatela conoscere. Lasciate che la gente la veda e la rispetti. Non nascondete le vostre strutture. Create un’architettura fatta di immondizia. Progettate fantastiche costruzioni per riciclare i rifiuti e invitate la gente a raccogliere la propria spazzatura e a portarla alle presse e ai convogliatori. Così imparerà a conoscere la propria spazzatura. Don DeLillo, Underworld 9 - I rifiuti sono la nuova droga. I rifiuti hanno quel non so che di mistico e trasgressivo, come gli stupefacenti. I rifiuti fanno provare quel timore reverenziale, ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 29.04.2008

La sofisticazione alimentare, questa sconosciuta. Sconosciuta, perlomeno, alla stragrande maggioranza dell’opinione pubblica. Conosciutissima, invece, negli ambienti della criminalità organizzata. Grande o piccola che sia: la pratica dell’adulterazione degli alimenti, del resto, richiede comunque un minimo di struttura organizzativa. Richiede canali di riciclaggio, vie preferenziali per la distribuzione, trasporto e smercio - anche, e soprattutto, a livello internazionale. Richiede complicità. Richiede rispettabilità. Qualche mese fa è uscito un libro, Mi fido di te (scritto a quattro mani da Carlotto e Abate), che ha provato a puntare i ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 23.04.2008

Contrada costretto a bere la cicuta, come Socrate. Contrada, nuovo caso Tortora. Contrada martire, vittima della malagiustizia politicizzata. Contrada che è l’ennesima vittima della Dia, la direzione investigativa antimafia. Contrada che a settantasette anni è in carcere. Contrada vuole uscire, sette mesi di pena scontata ed è subito libertà. Contrada chiede la grazia, anzi chiede la revisione del processo, anzi chiede grazie per l’interessamento. Contrada dead man walking. Eutanasia per Contrada. Contrada che negli anni settanta è stato minacciato dalla cosa nostra. Contrada che temeva ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 17.04.2008