Dipartimento / Kiss Me Breznev

Traduzione e note di Matteo Mazzoni Hanno coperto i nazisti legali Il tribunale cittadino di Mosca ha riconosciuto come estremistica l'attività dell'“Unione Slava”, il cui leader aveva presentato un rapporto alla Duma di Stato Martedì il tribunale cittadino di Mosca ha riconosciuto come estremistica l'attività dell'“Unione Slava” – un'organizzazione che professa apertamente “idee nazional-socialiste simili all'ideologia della Germania fascista”. La capeggiava Dmitrij Demuškin, noto per la capacità di creare intorno alla propria organizzazione un'atmosfera di rumoroso scandalo. All'inizio – verso il 2000, subito dopo la disgregazione dell'“Unità Nazionale Russa” ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 2.05.2010

Di Matteo Mazzoni (traduzione e note) Un potere che non guarda ai mezzi e ai sostenitori temporanei ha già ottenuto un incontrollato underground giovanile fascista e – di conseguenza – il terrorismo politico Nell'ultimo anno la situazione della violenza politicia in Russia si fa sempre più tesa. E i flash mob dei nazional-bolscevichi ((Membri del partito Nazional-Bolscevico, che fonde elementi marxisti e nazionalisti. Non ha riconoscimento legale e un tempo si segnalava per azioni da squatter.)) con l'occupazione delle sale di ricevimento dei politici sembrano birichinate infantili ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 26.01.2010

Se le banlieu parigine vi sembrano il peggio, non avete ancora visto la provincia russa. Il 14 marzo una normale rapina a Meshchovsk si è trasformata in tragedia: la parrucchiera - Olga, 28 anni, karateka - ha steso il malvivente e l'ha rinchiuso nello sgabuzzino del negozio per 3 giorni, legandolo al termosifone con delle splendide manette di pelo rosa, costringendolo ad una rigosorosa dieta pane + viagra ed abusando ripetutamente del suo fallo. Il femminismo della terza ora ha i giorni contati.

Pubblicato da Blicero il 19.04.2009

Di Matteo Mazzoni Arrivano nella capitale su Mercedes con i bagagliai pieni di armi, uccidono i propri nemici nel centro della città, sequestrano persone e si impossessano di affari altrui, sparano su un autobus di linea con i passeggeri a bordo che non gli ha dato strada, vengono rilasciati subito dopo l’arresto perché hanno in mano i distintivi dei servizi segreti, le loro automobili sono fornite di permessi “per qualsiasi posto”, il loro principale argomento è la Stečkin ((Pistola di fabbricazione russa.)) Cos’è successo all’autobus n. 752 Questa ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 23.01.2009

Di Matteo Mazzoni Dalla Novaja Gazeta - il titolo dell'articolo "Кавказ. Пик Коммунизма" (Caucaso. Il Picco del Comunismo) è ironico. Il Picco del Comunismo – 7495 metri – era la cima più alta dell’Unione Sovietica. Adesso si trova in Tagikistan ed è stato ribattezzato Picco di Ismail Samani, fondatore della dinastia Samanide. Ci sono posti dove le questioni del potere si risolvono come prima, con unanimità sovietica L’efficacia dei metodi caucasici di stabilimento dell’ordine è stata dimostrata dall’“efficace manager” Džugašvili ((Džugašvili è il vero cognome di Stalin.)). Adesso ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 13.11.2008
Pagine1234