Heil Canio

Always historicize.
Fredric Jameson

I bambini ci guardano. E si spaventano per la nostra indifferenza al fascismo. Quando il 31 marzo 2013 Paolo Di Canio – un essere spregevole che nella sua autobiografia ha ripetutamente scritto di ammirare Mussolini e che tra i mille tatuaggi ostenta sul braccio la parola Dux e sulla schiena un’effige di Mussolini in elmetto incastonata sotto un’aquila – è stato assunto come tecnico del Sunderland, la compassata CNN ha titolato come breaking news sportiva «EPL appoints a fascist manager». CONTINUA A LEGGERE

Pubblicato da Luca Pisapia il 8.04.2013

---

Alla fine Croazia-Serbia l’hanno giocata, e non è successo niente. D’altra parte, a dispetto della preoccupante vigilia di tensione descritta dai media italiani e occidentali (la cui visione è sempre più datata e fuori fuoco: si segnala per assurdità la presentazione del match su Repubblica), non si vede cosa potesse succedere di tanto grave in uno stadio privo di tifosi serbi. CONTINUA A LEGGERE

Pubblicato da Tamas il 25.03.2013

#Papacool

Non so quale siero stiano iniettando ai giornalisti italiani da una settimana a questa parte, ma sono tutti letteralmente impazziti per il nuovo Papa Francesco. Davvero, stiamo raggiungendo livelli d’isteria à la Justin Bieber – capelli strappati, occhi a forma di cuore, misticismo galoppante, sguardi stregati e palpitazioni così intense da minacciare l’infarto. CONTINUA A LEGGERE

Pubblicato da Blicero il 20.03.2013

V

Il megafono parla alla pancia, il parlamentare al cuore.
Andrea Scanzi

C’è chi «tifa rivolta» nella base del Movimento 5 Stelle, chi non sa dov’è il Senato, deputati che ritengono che il voto di fiducia non sia previsto nella Costituzione, senatori ignari di come si elegga il Presidente della Repubblica (ma solo perché hanno «molte robe da fare»), ed infine rappresentati del popolo che si avvicinano alla politica dopo aver visto Zeitgeist, un polpettone di squisita fattura ultracomplottista. CONTINUA A LEGGERE

Pubblicato da Blicero il 2.03.2013

Il Consiglio dei Megafoni della Repubblica della Gente

La situazione post-elettorale non potrebbe essere più caotica. I punti fermi sono pochi, e non certamente positivi. Nelle prossime settimane, infatti, scorrerà molto sangue, voleranno teste (quelle sbagliate), la Germania continuerà a tirarci schiaffoni sul culo per punire la nostra «irresponsabilità» e D’Alema disegnerà davanti agli occhi meravigliati di Aldo Cazzullo strabilianti scenari fantapolitici. CONTINUA A LEGGERE

Pubblicato da Blicero il 28.02.2013

Kiss Me Brez.

14/21 febbraio 2013Compiti per tutti. Se vuoi entrare a far parte del Comitato Centrale e vivere il paradiso socialista, devi prendere a martellate la tua compagna il 14 febbraio alle 20:30 in punto. CONTINUA A LEGGERE

Pubblicato da Blicero il 14.02.2013

-----

Ricordate quella scena agghiacciante e grottesca in cui Mario Monti, rigido come se tenesse in braccio una testata nucleare nordcoreana, “adottava” un cucciolo di cane («Trozzy» o «Empy», sul nome i giornali non concordano) in diretta tv dalla Bignardi? Ecco, oggi Repubblica.it ci fornisce l’appassionante seguito della storia: la Ill.issima Augusta Signora Elsa Monti impegnata a fare shopping per il Trozzy/l’Empy. CONTINUA A LEGGERE

Pubblicato da Blicero il 12.02.2013

---

A quasi ventun anni di distanza dall’arresto del «mariuolo» Mario Chiesa, la memoria collettiva su Tangentopoli e Mani Pulite non potrebbe essere più divisa. C’è chi ritiene quella stagione «una deriva politica della magistratura», «una falsa Rivoluzione» o direttamente «un colpo di stato mediatico-giudiziario, costruito inizialmente a tavolino»; e chi invece pensa che quell’inchiesta sia stata «una speranza per Milano e tutta l’Italia». CONTINUA A LEGGERE

Pubblicato da Blicero il 7.02.2013