(Appunto 59, “Petrolio” di Pier Paolo Pasolini)

Dal Maggio del ’72 all’Ottobre di quell’anno, non successe niente di ciò che era previsto addirittura come un Evento. Il Msi ebbe molti voti alle elezioni: ebbe addirittura un grande successo, come il lettore sa meglio di me. I socialisti uscirono dal Governo che si spostò a destra, con i Liberali, e capo del Governo fu Andreotti. I vecchi clerico-fascisti rialzarono la cresta, e un clima di restaurazione soffiò come uno scirocco sull’Italia. Ma tutto, almeno per ora, si limitò a questo. Che era una cosa vecchia. CONTINUA A LEGGERE

Pubblicato da Blicero il 10.05.2008

Ne sono sempre più convinto: l’Italia è proprio il paese che fa per me. Quando viaggio all’estero, e vedo gli usi e i costumi degli stranieri, li confronto a quelli italiani. Certo, ogni tanto un pò d’imbarazzo lo provo, come quella volta in Francia che stavo uscendo da un bar e mi hanno rincorso per darmi lo scontrino che io avevo rifiutato. Tanto in Italia lo scontrino è un optional. Ma passa subito la vergogna, io sono un patriota. CONTINUA A LEGGERE

Pubblicato da Blicero il 6.05.2008

Scoppia lo Scandalo (Omissis)

MILANO – Ed ora il mondo della finanza italiana trema. Con un blitz all’alba, i Carabinieri del nucleo operativo di Milano hanno prelevato dalle loro abitazioni (omissis), (omissis), (omissis) e (omissis), più altri 10 soggetti coinvolti a vario titolo. Tra di questi vi sarebbe anche un arresto molto, per quanto possibile, più clamoroso degli altri. CONTINUA A LEGGERE

Pubblicato da Blicero il 4.05.2008

Dunque, Renato Schifani è diventato la seconda carica dello Stato. Non che un presidente del Senato abbia mai contato qualcosa, d’accordo, ma fa pur sempre la sua porca figura. Un attimo, un attimo. No dico: Renato Schifani. Siamo entrati nella storia: tra quarant’anni potremo dire ai nostri figli che si, noi c’eravamo. Insieme a Renato. Renato Schifani. CONTINUA A LEGGERE

Pubblicato da Blicero il 1.05.2008

Di SKA

Che la politica sia il principale terreno del clientelismo lo si sa dalla notte dei tempi e non stupisce. Ma se per un caso fortuito ci si imbatte in un vero e proprio “libro mastro” di favori accordati o in lista d’attesa, con tanto di nomi, cognomi ed indirizzi è un altro paio di maniche.

E’ quello che è successo ad un anonimo “segugio” del settimanale Centonove che impostando la ricerca “Pinnacle 10 e 11 Studio effetti video” su Emule si è ritrovato davanti tutt’altro: una selva di cartelle e files rigorosamente archiviati, contenenti centinaia di richieste da altrettanti cittadini in cerca di lavoro, avanzamenti di carriera, assegnazione di incarichi o addirittura superare esami universitari o prestazioni mediche. CONTINUA A LEGGERE

Pubblicato da Blicero il 30.04.2008

gdone-smaller.jpg

Esponete la spazzatura, fatela conoscere. Lasciate che la gente la veda e la rispetti. Non nascondete le vostre strutture. Create un’architettura fatta di immondizia. Progettate fantastiche costruzioni per riciclare i rifiuti e invitate la gente a raccogliere la propria spazzatura e a portarla alle presse e ai convogliatori. Così imparerà a conoscere la propria spazzatura.

Don DeLillo, Underworld

CONTINUA A LEGGERE

Pubblicato da Blicero il 29.04.2008

Di Holly Golightly

Biùtiful cauntri. Un inglese sarcasticamente napoletano che incorpora due ore di pellicola. Un’ironia mal celante scherno, amarezza e – perché no – compassione per una terra senza speranza. Immagini vergognose, umilianti, degradanti. Immagini vere.

Volti disperati, occhi silenti rotti dal pianto, persone che non sanno dove andare e, soprattutto, come vivere. Anni di duro e sano lavoro andati in frantumi, distrutti dalla diossina. Camion che scaricano rifiuti sotto le autostrade, alla luce del sole. Muri di immondizia che costeggiano strade infinite, rendendo impossibile il passaggio alle auto transitanti. Testimonianze di minacce, di omertà, di colpi di pistola durante la notte, di bugie, di promesse mai mantenute. CONTINUA A LEGGERE

Pubblicato da Blicero il 26.04.2008

La sofisticazione alimentare, questa sconosciuta. Sconosciuta, perlomeno, alla stragrande maggioranza dell’opinione pubblica. Conosciutissima, invece, negli ambienti della criminalità organizzata. Grande o piccola che sia: la pratica dell’adulterazione degli alimenti, del resto, richiede comunque un minimo di struttura organizzativa. Richiede canali di riciclaggio, vie preferenziali per la distribuzione, trasporto e smercio – anche, e soprattutto, a livello internazionale. Richiede complicità. Richiede rispettabilità. CONTINUA A LEGGERE

Pubblicato da Blicero il 23.04.2008
Pagine« Prima...2040...5455565758