Fuoco Cammina Con Leghista

Pubblicato da Blicero il 8.10.2013

fuococamminaconlega

Le storie che catturano perfettamente il clima politico e mentale del Paese non si trovano di certo nelle faide interne del Pdl o nelle 20 pagine quotidiane dei retroscena parlamentari; vanno cercate nelle viscere più profonde della provincia italiana.

L’anno scorso, ad esempio, era stato arrestato un assessore comunale all’Immigrazione di Palazzo San Gervasio (Potenza) con le pesanti accuse di «sequestro di persona a scopo di estorsione, violenza privata aggravata, lesioni personali aggravate e minacciata aggravata e continuata» ai danni di un cittadino romeno. La vicenda si era svolta praticamente tutta all’interno di un capannone, dove Antonio Paradiso (questo il nome dell’assessore/imprenditore) aveva incatenato e torturato Cornel Chiriac, un suo ex dipendente sospettato a torto di aver rubato un trattore.

Questa la cronaca – fatta dal Quotidiano della Basilicata – delle sevizie perpetrate da Paradiso e un suo amico:

L’assessore e il suo complice sono accusati di essersi accaniti su Chiriac con calci pugni e sprangate sulle gambe fin quando Paradiso, dopo avergli chiesto se aveva rivelato a qualcuno del trattore presente in azienda, gli avrebbe avvolto al collo una catena appesa alla carrucola sul soffitto e avrebbe tirato lui stesso sollevandolo di peso. Non lo voleva strozzare, perché lo lasciava sempre tenersi in punta di piedi mentre Grieco lavorava di spranga sulle ginocchia.

Ieri, a Varese, la polizia ha arrestato il quarantenne Stefano Chelazzi, a cui vengono attribuiti una lunga serie di incendi che si erano verificati in città. Il primo episodio risale al 4 agosto, quando era andato a fuoco il box di un centro medico in via Maspero. Il 19 agosto era toccato ad un altro box, e il 4 settembre Chelazzi aveva cercato di incendiare il magazzino di un’impresa edile. Oltre all’accusa di incendio doloso, riporta Repubblica, c’è anche «l’aggravante di incendio applicato a luoghi abitati».

La figura di questo piromane è particolarmente interessante poiché, oltre a essere promotore finanziario e istruttore di arti marziali, Chelazzi è un militante storico della sezione locale della Lega Nord. Nel 2007 venne addirittura candidato alle elezioni comunali (in cui prese 31 preferenze) e nel 2012 il sindaco Attilio Fontana lo nominò nel consiglio di amministrazione della casa di riposo Molina.

----

(Stefano Chelazzi con il kit del perfetto leghista: abito, gilet, cane, griglia, legna e accendino. Foto via Facebook.)

Il sindaco di Varese ha commentato così la notizia dell’arresto: «Mi avevano detto che nelle attività che fino a quel momento aveva seguito si era comportato bene. Io non ero al corrente di questi fatti, e soprattutto quando l’ho nominato non avevo notizia di patteggiamenti». Anche il segretario cittadino della Lega Nord, Marco Pinti, ha manifestato stupore per l’accaduto: «C’erano delle voci, ma bisogna stare ai fatti e non fidarsi dei “si dice”. Quando in sezione si discusse di quell’incarico gli chiesi personalmente di farmi vedere il casellario giudiziario, da cui risultava essere incensurato».

In realtà, lo scorso giugno Chelazzi aveva patteggiato un’altra imputazione per incendio doloso. Il leghista era stato accusato di essere il responsabile di 7 incendi ai cassonetti di Varese. Nel 2008 i poliziotti lo avevano sorpreso, alle 6.30 di mattina, chino su un cassonetto in piazzale Kennedy mentre tentava di dare fuoco a della carta. Il 7 aprile 2008 (qualche settimana prima della notizia delle indagini a suo carico) Chelazzi aveva inviato una lettera a Varesenews in cui faceva una tirata contro il «degrado» portato in città dagli extracomunitari e li accusava di bruciare i cassonetti:

Gentile Direttore, Abito a Varese da quando sono nato, cioè 36 anni fa e risiedo non distante dalla zona delle stazioni. Nel corso del tempo questa zona ha subito un degrado di dimensioni imbarazzanti. E’ il luogo di ritrovo di gente di tutte le etnie che vi passa l’intera giornata senza fare assolutamente niente. La loro giornata tipo, consiste nel chiedere qualche spicciolo alla gente che passa. Bastano 50 centesimi per recarsi al GS di Piazzale Trento e poter acquistare un paio di lattine di birra. Si accomodano su una panchina per un oretta, si bevono le loro birrette e poi ricominciano da capo. Normalmente iniziano a metà mattina e finiscono la sera tarda. Ne consegue che la zona è deturpata da decine di lattine vuote ad ogni angolo delle strade. Il sottopassaggio è un urinatoio, tanto che hanno dovuto provvedere a farne chiudere una parte. […] Ultimamente, inoltre, forse annoiati o forse troppo ubriachi hanno incominciato a dare fuoco ai cassonetti dell’immondizia.

L’allora segretario cittadino della Lega, Fabio Binelli, aveva avuto una reazione simile a quella dei suoi compagni di partito: «Sono davvero senza parole. A me è sempre sembrata una persona molto in gamba, ma va da sé che se fosse tutto confermato si tratterebbe di comportamenti teppistici che non sono compatibili con il nostro movimento».

La cosa curiosa è che esiste un altro esponente della Lega, ben più illustre di Chelazzi, che ha passato dei guai giudiziari per aver scherzato con il fuoco – o, come direbbe Binelli, per aver assunto «comportamenti teppistici» non compatibili con il Carroccio. Sto parlando di Mario Borghezio, che nel 2005 venne condannato in via definitiva a due mesi e venti giorni di reclusione (commutati in 3040 € di multa) proprio per incendio doloso.

I fatti – a mio avviso più gravi di quelli che riguardano Chelazzi – risalgono al del 1 luglio 2000, a Torino. Stando alle cronache dell’epoca, quella sera i leghisti (una settantina) guidati da Mario Borghezio

manifestavano contro gli spacciatori, soprattutto extracomunitari. Molti erano armati di fiaccole accese. Il rogo scoppiò alla fine, quando un gruppetto – secondo la ricostruzione della Digos e della Procura – si staccò dalla massa per scendere sotto il ponte Principessa Clotilde. […] Un immigrato che si trovava sul Lungodora disse di aver notato un militante scagliare una torcia accesa sulle masserizie della baracca in cui abitava un compagno.

---

Ad ogni modo, la Lega Nord dice di aver avviato le procedure per espellere Chelazzi1. E un po’ dispiace, perché si tratta di una grossa perdita per la sezione locale di Varese. Il leghista piromane, infatti, era uno che credeva molto nella politica e nel partito. Nel 2007, in un’altra lettera pubblicata su Varesenews, Chelazzi scrisse:

Sarò un idealista, ma forse c’è ancora qualcuno che si dedica alla politica, perché legato al proprio territorio, alle proprie tradizioni e si “sbatte” per queste senza cercare poltrone, poltroncine o sgabelli che generino dei guadagni. […] Sono stufo di sentire paragonare i militanti della Lega Nord e altri lombardi che amano la propria terra ai vecchi democristiani.

Non potendo però fermare il paragone offensivo, il leghista annunciò l’intenzione di dimostrare «con i fatti cosa cerchiamo noi attraverso la politica». E se per «fatti» Chelazzi intendeva spugne imbevute di benzina, cassonetti in fiamme e calunnie contro gli immigrati, allora in questi anni è riuscito a dimostrarlo alla grande.

Combatti il fuoco con il fuoco / La fine è vicina / Combatti il fuoco con il fuoco / Scoppiando di paura / Moriremo / Il tempo è come una miccia, corto e brucia veloce / È arrivato l’Armageddon.

  1. Borghezio, ovviamente, è ancora al suo posto e nessuno ha mai parlato di espulsione dopo la condanna per incendio doloso. []

Condividi

Drop the Hate / Commenti (4)

#1

El
Rilasciato il 08.10.13

Volevo solo dire che “fuse “, nella canzone dei Metallica, è miccia, non fusibile

#2

Blicero
Rilasciato il 08.10.13

Hai ragione, l’avevo presa da un sito di traduzioni a caso senza controllare. Corretto subito.

#3

becnar
Rilasciato il 10.10.13

Da che cosa è tratta l’immagine d’apertura ? :) grazie!

#4

ghintonjazz
Rilasciato il 15.03.14

Wish you were here | Animated photography | Pink floyd

Fomenta la discussione

Tag permesse: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>