Archivio / 2011

(Una versione di questo articolo è stata pubblicata su Linkiesta.) Grazie, Europa. È questo quello a cui devono aver pensato i tre esponenti del LAOS (Coalizione Popolare Ortodossa) Makis Voridis, fresco Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Adonis Georgiades, nominato viceministro allo Sviluppo, e Giorgos Karatzaferis, deputato e presidente del partito di destra radicale, mentre il 16 novembre l’esecutivo “tecnico” di Lucas Papademos otteneva la fiducia in parlamento con più di 250 voti su 300. A 37 anni dalla caduta dei colonnelli, lo sdoganamento definitivo dell’estrema destra ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 1.12.2011

(Pubblicato anche su BILE N. 3. Illustrazione: Mario Perrotta.) “Dicci chi è stato.” Il vecchio si cagò addosso, gli occhi sbarrati dal terrore e i denti che battevano come se la polizia egiziana avesse sparato dei lacrimogeni sulle gengive. Il mio aiutante – un ragazzo-soldato congolese di 11 anni che avevo “liberato” dalla sua famiglia per due kg di pane raffermo e il capitolo mancante sull’ENI di Petrolio di Pasolini – continuava a fargli ingurgitare acqua e sale. “Su, avanti. Sono già tre ore che andiamo avanti. Non ... Leggi tutto

Pubblicato da Dott. Barbie il 28.11.2011

(Nella foto: hipster milionari al Waldorf-Astoria.) È fatta. Finalmente il lockout sembra essere finito. Dopo 150 giorni di folli trattative, incubi di cancellazione della stagione 2011-2012 e concreti rischi di esaurimento nervoso per Derek Fisher, il commissioner David Stern ha detto: "Abbiamo raggiunto un accordo di massima. Siamo ottimisti che vada a buon fine e che la stagione inizierà il 25 dicembre". Speriamo. Ma come se la sono passata i giocatore dell'NBA senza l'NBA? Blake Griffin ha nutrito daini e pubblicizzato automobili sicure. E non solo: come Penny ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 26.11.2011

Prove tecniche di democrazia nel Paese Che Va Difeso A Tutti I Costi In Quanto Unica Democrazia Nell'Area Medio-Orientale, cioè Israele. Il 21 novembre la Knesset (il parlamento israeliano) ha approvato in prima lettura quella che i media locali hanno chiamato "legge bavaglio". Il ddl riforma il regime della diffamazione a mezzo stampa e contiene previsioni che assomigliano ai sogni bagnati di Mastella e dei censori del Pdl: innalzamento del tetto massimo per le pene pecuniarie (da 13mila a 80mila dollari); un comma "wtf?" in ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 22.11.2011

Nel 2003 Jean Claude Van Damme si rende conto di una cosa molto semplice: gli anni '90 sono finiti da un pezzo. Il suo momento artistico è difficile e sembra che tutti, a partire dalla grande industria, stiano cominciando a dimenticarsi di lui. Anche il suo genere, l'Action, vive sospeso tra lo stallo post-sbornia ed il rigurgito di disprezzo della Critica Che Conta (CCC). Ma c'è ancora qualcuno che si ricorda bene di lui. È Ringo Lam, regista di thriller d'azione di Hong Kong con cui ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 21.11.2011

Il Venerdì di Repubblica, "Barweb" di Marco Filoni, 18/11/2011: Coraggio, il meglio è passato! Lo slogan, caustico, promette bene. E infatti a legger La Privata Repubblica ci si diverte. Non solo: s'imparano pure un sacco di cose. Per capire di cosa si parla, basterà scorgere le autodefinizioni: un sito di "politica, satira, cultura e Nicole Minetti"; "nasce perché l'insuccesso ci ha dato alla testa"; "è un golpe su quella satira che non oltrepassa i 160 caratteri"; e infine "è un apostrofo nero tra le parole Francesco ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 18.11.2011

La prima volta che ho pronunciato il suo nome avevo 8 anni. Era il 1994 e insieme ad un mio amico stavamo guardando  (credo) una partita del Milan in Champions, quando il di lui padre, un entusiasta berlusconiano della prima ora, ci chiese chi avremmo votato alle elezioni. “Berlusconi!” risposi. “E perché?” “Perché è il presidente del Milan!” Sia chiaro, non ho avuto un’infanzia traumatica: è stata molto felice - la più bella infanzia che un bambino potesse desiderare o immaginarsi. Quando tornavo a casa da ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 13.11.2011

Mario Monti è un economista serio, uomo delle istituzioni europee, scelto dal presidente Napolitano per un autorevole governo di transizione che metta un attimo a posto i conti e faccia stare tranquilli i mercati per qualche mese. (Qualche minuto dopo) Mario Monti, in combutta con Goldman Sachs e l'1% che governa il mondo, è l'oscuro e tecnocrate cavaliere dell'apocalisse designato dal gruppo Bilderberg e dalla Trilaterale per pasteggiare sul cadavere finanziario (e non solo) dell'Italia. Grazie, Internet.

Pubblicato da Blicero il 11.11.2011
Pagine12345...Ultima »