Archivio / 2010

Un'apertura così non poteva essere più eloquente: delle giovani costrette in abiti succinti danzano al ritmo di un'orrida musica elettronica, vere e proprie vittime sacrificali di un sistema che spreme il meglio dall'animo di chi ha ancora l'ardire di stare in questo mondo e poi ti getta via, nel lettone di un primo ministro russo autoritario, in un'orgia a base di eroina e politica o, alla peggio, in un ministero. Lo "Scaccomatto" del Carlo Fumo ci dimostra ancora una volta, se possibile, che il cinema italiano ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 6.05.2010

È stato giusto l'altro giorno che ho pensato all'onorevole Binetti, mentre applicavo amorevolmente le lamette del rasoio sulle estremità della mia frusta a nove code. Da quando è uscita dal PD per insanabili convergenze tra la transustanziazione del suo corpo martoriato da anni di cilicio e la progressiva evaporazione del partito negli effluvi demoniaci delle “Riforme Condivise In Parlamento”, non è passato giorno senza che io mi addormentassi chiedendomi dove fosse finita. Mi sono sentito abbandonato, lo ammetto. Respiravo affannosamente. Dimagrivo e ingrassavo con schizofrenica ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 3.05.2010

Traduzione e note di Matteo Mazzoni Hanno coperto i nazisti legali Il tribunale cittadino di Mosca ha riconosciuto come estremistica l'attività dell'“Unione Slava”, il cui leader aveva presentato un rapporto alla Duma di Stato Martedì il tribunale cittadino di Mosca ha riconosciuto come estremistica l'attività dell'“Unione Slava” – un'organizzazione che professa apertamente “idee nazional-socialiste simili all'ideologia della Germania fascista”. La capeggiava Dmitrij Demuškin, noto per la capacità di creare intorno alla propria organizzazione un'atmosfera di rumoroso scandalo. All'inizio – verso il 2000, subito dopo la disgregazione dell'“Unità Nazionale Russa” ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 2.05.2010

Le persone si uniscono tramite le passioni. Sono le passioni a definire l'ambiente emotivo ed intellettuale in cui si muove ciascuno di noi, a volte inconsapevolmente. Io, ad esempio, ho scoperto qualche anno fa di avere un legame profondo con Licio Gelli e Junio Valerio Borghese, anche se loro non lo sanno: tutti e tre andiamo pazzi per i colpi di stato, militari e non, specialmente se fatti in qualche repubblica delle banane sudamericana o in qualche disastrato stato africano. Questi ultimi in particolare, a causa ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 27.04.2010

Di Ernesto Pigiromano Panebattista dell'Ostellino Mentre i soliti tribuni della plebe onorano il 25 Aprile dovremmo chiederci perché questa giornata sia stata spesso faticosamente festeggiata e abbia diviso gli italiani piuttosto che unirli. Se vogliamo che la data diventi davvero federale (anche in senso fiscale), dovremmo parlarne con franchezza, senza infingimenti retorici, usando un linguaggio comprensibile per il lettore medio del Giornale. In primo luogo il 25 Aprile segna la fine di una guerra civile, vale a dire la conclusione di una vicenda in cui parole come ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 25.04.2010

L'ospedale di Emergency a Lashkar Gah, in Afghanistan, è in mano alla polizia afgana e al personale locale. Nel frattempo il ministro degli Esteri Franco Frattini ha fatto sapere di aver spedito una lettera al presidente afgano Hamid Karzai chiedendo "un'accelerazione delle indagini" sui tre cooperanti. Repubblica.it, 13/04/2010 Nuovo Messaggio A: Hamid Karzai Oggetto: Medici di Emergency e altre cose! Messaggio: Ciao Karzai Ahmid dittatore del Congo Re del Tagikistan presidente dell'Afaghistans! Come te la passi? Io non mi posso lamentare, dai! Senti, ti volevo parlare di quel fastidio che ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 13.04.2010

Che cos'è Roberto Calderoli? Un chirurgo maxillo-facciale prestatosi all'ingegneria costituzionale? L'amico che è rimasto indietro alle medie e che rivedi dopo 20 anni alle pizzate organizzate su Facebook, trovandolo ancora più indietro? Uno di quei padani imprendibili, indefinibili, che vanno in giro col lanciafiamme e la giacca pochette-verde-munita, capace di grandissime stronzate come di grandissime cazzate, inneggiante al dio Tanaris e al contempo al rimorchio delle gonnelle papali, abili nello staccare il cervello al momento sbagliato e di mancare sistematicamente il posto giusto, dedito alla ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 12.04.2010

Appena ho messo piede al Marco Polo di Venezia mi è sembrato tutto normale. Ero tornato per poco meno di una settimana dall'Erasmus a Parigi, principalmente per recuperare un barlume di eterossessualità e per farmi trapiantare un fegato nuovo. Sapevo che c'erano state le Regionali, a cui non ho votato per mancanza di alternativa tra Zaia, Zaia e Zaia, ma sapevo altresì che la transizione, dopo 15 anni ininterrotti di strapotere forzista, avrebbe impiegato più di qualche ora per arrivare a conclusione. Mi sbagliavo, terribilmente. Di ... Leggi tutto

Pubblicato da Blicero il 6.04.2010
Pagine« Prima...7891011